Cerca nel blog

venerdì 11 dicembre 2015

Irragionevole durata del processo. Le nuove proposte del Governo: oltre il danno la beffa

Firenze, 11 dicembre 2015. Se un processo dura molto, cioè se la sua durata è irragionevole rispetto a quella che ci si sarebbe dovuti aspettare, allora il cittadino danneggiato da questa disfunzione dovrebbe avere diritto ad essere risarcito dallo Stato, che amministra la giustizia.
Usiamo il condizionale perché anche questo elementare diritto, sancito dalle convenzioni internazionali e consacrato nel nostro ordinamento dalla così detta legge Pinto, pare essere messo in dubbio dalla legge di stabilità per l'anno 2016, attualmente all'esame della Camera dei deputati.
In particolare i centri studi di Senato e Camera, nei propri documenti di accompagnamento a questo disegno di legge, specificano che per l'indennizzo da irragionevole durata del processo contenute nella c.d. legge Pinto (commi 449-451) è prevista:
- la riduzione dell'entità dell'indennizzo;
- l'introduzione dell'obbligo per la parte lesa dall'eccessiva durata, di sollecitare i tribunali con rimedi preventivi della violazione del termine, che rappresentano una condizione di procedibilità della successiva domanda di riparazione del danno;
- l'introduzione di alcune presunzioni di insussistenza del danno, che obbligano la parte che ha subito un processo irragionevolmente lungo a dimostrare il pregiudizio subito;
- la disciplina nuove modalità di pagamento. (1)
In pratica, chi vedrà un processo andare per le lunghe dovrà sollecitare il Tribunale ad andare più veloce, e lo dovrà mettere in guardia che se non si sbriga potrà richiedere i danni. Se il malcapitato non lo farà, non potrà, poi, chiedere alcun risarcimento. Si tratta di una condizione di procedibilità della domanda che ha il "vago sapore" del deterrente tecnico rispetto alla richiesta dell'indennizzo; insomma la classica vessazione di Stato. Questo indennizzo, che sarà comunque ridotto rispetto a quelli esistenti, in particolari casi (es. nelle cause di poco valore economico) porrà il cittadino, già danneggiato dalla durata eccessiva del processo, nella posizione di dover dimostrare qual è il danno che ha effettivamente subito. Come dire: la giustizia lenta in sé non è un danno se la tua causa non valeva granché. I Centri studi di Camera e Senato hanno posto l'attenzione sull'eventuale incostituzionalità di questa norma (2) .
È chiaro, secondo noi, l'obiettivo della norma: con la scusa di risparmiare qualche denaro, lo Stato nega, nei fatti, un diritto ai cittadini che ha danneggiato con le proprie disfunzioni. Un comportamento inaccettabile, o forse addirittura qualcosa di peggio.

(1) Fonte: http://www.camera.it/temiap/d/leg17/ID0021a?social-share
(2) Fonte: http://www.camera.it/temiap/d/leg17/ID0021b?social-share

Alessandro Gallucci, legale Aduc

Nessun commento:

Posta un commento

Disclaimer

www.CorrieredelWeb.it e' un periodico telematico senza scopi di lucro, i cui contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali industrie dell'editoria o dell'intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Societa' dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete. In questo la testata ambisce ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.


Pur essendo normalmente aggiornato piu' volte quotidianamente, CorrieredelWeb.it non ha una periodicita' predefinita e non puo' quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001.


L'Autore non ha alcuna responsabilita' per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone. L'Autore si riserva, tuttavia, la facolta' di rimuovere quanto ritenuto offensivo, lesivo o contraro al buon costume.


Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive. Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio. Eventuali detentori dei diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvedera' all'immediata rimozione o citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.


Viceversa, sostenendo una politica volta alla libera circolazione di ogni informazione e divulgazione della conoscenza, ogni articolo pubblicato sul CorrieredelWeb.it, pur tutelato dal diritto d'autore, può essere ripubblicato citando la legittima fonte e questa testata secondo quanto previsto dalla licenza Creative Common.





Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons Creative Commons License






CorrieredelWeb.it è un'iniziativa di Andrea Pietrarota, Sociologo della Comunicazione, Public Reporter, e Giornalista Pubblicista




indirizzo skype: apietrarota



CONTATTI