Cerca nel blog

giovedì 7 gennaio 2016

Energia Elettrica: al via il passaggio graduale da tariffe a scaglioni di consumo a tariffe fisse

Firenze, 7 Gennaio 2016.  Nel settore delle utenze elettriche fa capolino una novità che ha effettivamente del rivoluzionario, pur nella sua applicazione molto graduale. Per i clienti domestici cambia infatti il criterio di tariffazione, con passaggio da quello attuale -dove il prezzo unitario per kWh sale al crescere di scaglioni di consumo- ad una tariffazione fissa uguale per tutti a prescindere dal livello di consumo.
Ciò grazie a quanto disposto dall'Autorità garante energia e gas in attuazione del decreto che ha recepito la Direttiva europea 2012/27/UE sull'efficienza energetica (1).

Il passaggio avverrà in due anni a partire dal 1 Gennaio 2016 e rappresenta il superamento di un sistema tariffario decisamente obsoleto figlio della crisi energetica degli anni '70 quando non vi era ancora un criterio di addebito articolato né tanto meno regolato da organismi indipendenti. Ad oggi, per stesso giudizio dell'Autorità garante, si tratta di un sistema inadeguato che crea squilibrio tra categorie di utenti per effetto di una sorta di "sussidio incrociato" (in pratica chi consuma di più paga anche qualcosa per chi consuma meno).

L'effetto del passaggio non si vedrà subito. Dal 1 Gennaio 2016 infatti è previsto che rimanga la stessa struttura progressiva del 2015 con un primo "smorzamento" della progressività unicamente sulla tariffa per i servizi di rete (trasporto, distribuzione e misura) tramite l'aumento delle quote fisse su quelle variabili, in modo da ridurre di almeno il 25% l'entità del sussidio incrociato tra gli utenti.

Dal 1 Gennaio 2017 diventeranno non progressive (quindi fisse) sia la tariffa per i servizi di rete (con sigla "TD") sia la tariffa applicata ai servizi di vendita per i clienti in maggior tutela (energia fruita); per i corrispettivi a copertura degli oneri generali di sistema inizierà lo "smorzamento" della progressività, con riduzione a due scaglioni di consumo annuo.

Dal 1 Gennaio 2018 la riforma sarà a regime, con applicazione della struttura tariffaria TD a tutte le componenti tariffarie. Le voci di costo diventeranno fisse ed uguali per tutti e per ogni livello di consumo, espresse in €/anno e €/kW/anno per i servizi di rete (misura, commercializzazione, distribuzione) e in c€/kWh per i servizi di vendita (energia fruita).
Ciò determinerà un risparmio non indifferente per le famiglie numerose e in generale per chi consuma di più e una penalizzazione, difficilmente quantificabile al momento, per i piccoli consumatori (single, coppie, etc.).

E' anche stata decisa la proroga a fine 2016 della sperimentazione tariffaria per i clienti domestici che utilizzano pompe di calore come sistema principale di riscaldamento dell'abitazione di residenza (tariffa D1), ovvero impianti che utilizzano fonti di energia rinnovabili come l'aerotermica, la geotermica e l'idrotermica (impianti di condizionamento caldo/freddo, scaldaacqua, impianti a energia geotermica, etc.). Maggiori informazioni su questa opzione si trovano sul sito dell'Autorità garante con utili domande frequenti: http://www.autorita.energia.it/it/pompedicalore.htm

Per quanto riguarda le famiglie disagiate (a basso reddito) che fruiscono del bonus sociale, l'Autorità metterà a punto adeguamenti alle riduzioni tariffarie in modo da compensare gli eventuali incrementi di spesa dovuti al passaggio.

(1) Delibera AEEG 582/2015 attuativa del D.lgs.102/2014 art.11 comma 3: http://www.autorita.energia.it/it/docs/15/582-15.htm

Rita Sabelli, responsabile Aduc aggiornamento normativo

Nessun commento:

Posta un commento

Disclaimer

www.CorrieredelWeb.it e' un periodico telematico senza scopi di lucro, i cui contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali industrie dell'editoria o dell'intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Societa' dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete. In questo la testata ambisce ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.


Pur essendo normalmente aggiornato piu' volte quotidianamente, CorrieredelWeb.it non ha una periodicita' predefinita e non puo' quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001.


L'Autore non ha alcuna responsabilita' per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone. L'Autore si riserva, tuttavia, la facolta' di rimuovere quanto ritenuto offensivo, lesivo o contraro al buon costume.


Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive. Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio. Eventuali detentori dei diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvedera' all'immediata rimozione o citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.


Viceversa, sostenendo una politica volta alla libera circolazione di ogni informazione e divulgazione della conoscenza, ogni articolo pubblicato sul CorrieredelWeb.it, pur tutelato dal diritto d'autore, può essere ripubblicato citando la legittima fonte e questa testata secondo quanto previsto dalla licenza Creative Common.





Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons Creative Commons License






CorrieredelWeb.it è un'iniziativa di Andrea Pietrarota, Sociologo della Comunicazione, Public Reporter, e Giornalista Pubblicista




indirizzo skype: apietrarota



CONTATTI