Cerca nel blog

giovedì 4 febbraio 2016

REFERENDUM TRIVELLAZIONI. GOVERNO HA PAURA DEL VOTO. REGIONI PROPONENTI SI APPELLINO AL PRESIDENTE MATTARELLA

Si è tenuta oggi alla sala stampa della Camera dei Deputati la Conferenza Stampa organizzata dalla Fondazione UniVerde, in collaborazione con i Parlamentari firmatari della Mozione (a prima firma della deputata di Sinistra Italiana Serena Pellegrino) che propone l'accorpamento del voto referendario sulle trivellazioni con il primo turno delle elezioni amministrative. All'incontro sono intervenuti: Alfonso Pecoraro Scanio (Presidente Fondazione UniVerde); l'On. Serena Pellegrino (Vice Pres. Commissione Ambiente – Gruppo SI-SEL); Piero Lacorazza, Presidente del Consiglio della Regione Basilicata; Enzo Di Salvatore (Costituzionalista e autore dei quesiti referendari); l'On. Marco Baldassarre (Gruppo Misto - Alternativa Libera-Possibile) e l'On. Angelo Capodicasa (Gruppo PD).


Il Governo presieduto da un esponente di un partito denominato "democratico" ha il dovere di garantire la più ampia partecipazione dei cittadini al voto e, nell'ottica della razionalizzazione e della riduzione delle spese dettate della "spending review", ha il dovere di risparmiare denaro pubblico in vista delle prossime elezioni. Questi due obiettivi, partecipazione e risparmio, possono essere contemporaneamente centrati solo abbinando il voto del Referendum al primo turno delle elezioni amministrative 2016 risparmiando oltre 300 milioni di euro che sarebbero invece spesi nel caso tali consultazioni si svolgessero in giorni diversi.


«Il governo può decidere l'election day con un provvedimento semplice - afferma Alfonso Pecoraro Scanio, già Ministro dell'Ambiente e Presidente della Fondazione UniVerde - ma ha paura del voto dei cittadini contro le sue scelte petrolifere. Spero che le Regioni che hanno chiesto il referendum si rivolgano al Presidente Mattarella, massimo garante delle nostre istituzioni. Partecipazione e risparmio possono essere centrati solo abbinando il voto del Referendum sulle trivellazioni al primo turno delle amministrative 2016, si può evitare così uno spreco di 300 milioni di euro».


«Abbiamo presentato una mozione – dichiara l'On. Serena Pellegrino - , firmata da un deputato di maggioranza, l'On. Angelo Capodicasa, per abbinare l'election day con il referendum. Alfano ieri al question time ha detto che ci sono le strade per l'election day e perché questo accada bisogna produrre una norma. E' altrettanto evidente che questo Governo teme il referendum e al contrario vuole trovare una norma per disinnescare la competizione referendaria. Abbiamo messo con le spalle al muro Alfano denunciando che dal momento che si è messa mano all'architettura istituzionale come con l'abolizione delle Province non è giustificabile sprecare 300 milioni di euro dei cittadini».


Il Presidente del Consiglio della Regione Basilicata, Piero Lacorazza ha ribadito la necessità di: «Superare gli ostacoli tecnici per consentire democraticamente ai cittadini di esprimere il proprio voto ed è per questo che è indispensabile un impegno da parte dei Parlamentari e delle Regioni».


«Con due sentenze – spiega Enzo Di Salvatore, Costituzionalista e autore dei quesiti referendari - la Corte Costituzionale ha ammesso il quesito sul mare. In merito agli altri due quesiti era necessario sollevare il conflitto di attribuzione da parte delle Regioni. La sentenza sarà comunicata a tutte le istituzioni entro il 7 febbraio. A quel punto, il Capo dello Stato deve indire una data. Già dal prossimo Consiglio dei Ministri credo che sarà presa una decisione e come diceva il Ministro Alfano venga fatta una norma ad hoc. Mi auguro che cresca il numero di adesioni dei Parlamentari alla mozione già presentata. È importante che sia più trasversale possibile e diventi un vero comitato attivo nella campagna referendaria».


Per l'On. Angelo Capodicasa: «È opportuno chiedere la più ampia partecipazione dei cittadini».


«Ci aspettiamo - afferma l'On. Marco Baldassarre -che la mozione venga calendarizzata il prima possibile. Bisogna fare più informazione e coinvolgere tutti i partiti. I 300milioni di euro potrebbero essere risparmiati e investiti in servizi per i cittadini».




--
www.CorrieredelWeb.it

Nessun commento:

Posta un commento

Disclaimer

www.CorrieredelWeb.it e' un periodico telematico senza scopi di lucro, i cui contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali industrie dell'editoria o dell'intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Societa' dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete. In questo la testata ambisce ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.


Pur essendo normalmente aggiornato piu' volte quotidianamente, CorrieredelWeb.it non ha una periodicita' predefinita e non puo' quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001.


L'Autore non ha alcuna responsabilita' per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone. L'Autore si riserva, tuttavia, la facolta' di rimuovere quanto ritenuto offensivo, lesivo o contraro al buon costume.


Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive. Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio. Eventuali detentori dei diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvedera' all'immediata rimozione o citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.


Viceversa, sostenendo una politica volta alla libera circolazione di ogni informazione e divulgazione della conoscenza, ogni articolo pubblicato sul CorrieredelWeb.it, pur tutelato dal diritto d'autore, può essere ripubblicato citando la legittima fonte e questa testata secondo quanto previsto dalla licenza Creative Common.





Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons Creative Commons License






CorrieredelWeb.it è un'iniziativa di Andrea Pietrarota, Sociologo della Comunicazione, Public Reporter, e Giornalista Pubblicista




indirizzo skype: apietrarota



CONTATTI