Cerca nel blog

martedì 2 febbraio 2016

UNIONI CIVILI, ZAN (PD): “NESSUNO STRALCIO STEPCHILD, SUI DIRITTI UMANI NON SI MEDIA. NO A VOTI SEGRETI”


"Sulla stepchild adoption non sono ammissibili ulteriori mediazioni o, ancor peggio, stralci: la legge sulle unioni civili in discussione al Senato è già una mediazione frutto di un lungo lavoro. Non si può negoziare sui diritti umani e sulla pelle di tante famiglie". Lo dichiara Alessandro Zan, deputato del partito democratico e attivista della comunità gay. "Il testo del ddl Cirinnà è perfettamente in linea con la sentenza della Consulta 138 del 2010" prosegue, "e non parifica affatto l'unione civile al matrimonio, stabilendo un regime differenziato. C'è poi un dato inequivocabile: la tanto discussa stepchild adoption, che tutela la continuità affettiva del bambino con l'altro genitore in caso di morte del padre o della madre biologici, viene già applicata dalla giurisprudenza a coppie omosessuali con figli: approvare un istituto diverso introdurrebbe una grave disparità di trattamento verso i bambini che vivono in una famiglia omogenitoriale. Senza contare" continua il parlamentare Pd, "che si tratta di un istituto consolidato che già vige per le coppie eterosessuali sposate: introdurne una forma alternativa, con tutele più blande, stabilendo una differenziazione giuridica per i figli di genitori dello stesso sesso rispetto a tutti gli altri, comporterebbe una censura da parte della Corte Costituzionale, in quanto la norma violerebbe il principio fondamentale di eguaglianza. Dunque" conclude Zan, "il Parlamento si assuma le proprie responsabilità davanti agli italiani e voti consapevolmente senza ricorrere a voti segreti". 




--
www.CorrieredelWeb.it

Nessun commento:

Posta un commento

Disclaimer

www.CorrieredelWeb.it e' un periodico telematico senza scopi di lucro, i cui contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali industrie dell'editoria o dell'intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Societa' dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete. In questo la testata ambisce ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.


Pur essendo normalmente aggiornato piu' volte quotidianamente, CorrieredelWeb.it non ha una periodicita' predefinita e non puo' quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001.


L'Autore non ha alcuna responsabilita' per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone. L'Autore si riserva, tuttavia, la facolta' di rimuovere quanto ritenuto offensivo, lesivo o contraro al buon costume.


Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive. Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio. Eventuali detentori dei diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvedera' all'immediata rimozione o citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.


Viceversa, sostenendo una politica volta alla libera circolazione di ogni informazione e divulgazione della conoscenza, ogni articolo pubblicato sul CorrieredelWeb.it, pur tutelato dal diritto d'autore, può essere ripubblicato citando la legittima fonte e questa testata secondo quanto previsto dalla licenza Creative Common.





Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons Creative Commons License






CorrieredelWeb.it è un'iniziativa di Andrea Pietrarota, Sociologo della Comunicazione, Public Reporter, e Giornalista Pubblicista




indirizzo skype: apietrarota



CONTATTI