Cerca nel blog

venerdì 4 marzo 2016

CODICE APPALTI. Aniem: "una radicale svolta nella regolamentazione degli appalti pubblici. Andiamo avanti così"

Piacentini: "Mai come questa volta ci sembra che il coraggio improntato alla volontà di cambiamento e innovazione abbia prevalso sulla paura e sull'arroccamento conservatore, che peraltro ha trovato anche questa volta i suoi fervidi sostenitori. Ma diamo atto al Governo di aver ascoltato fino all'ultimo le proposte finalizzate a migliorare il testo, soprattutto sul tema della qualificazione per gli appalti fino ad 1 milione di euro"

 

"Con l'approvazione preliminare del Codice Appalti da parte del Consiglio dei Ministri si segna un passo storico nella modernizzazione del sistema degli appalti pubblici in Italia, con, finalmente, una disciplina che ci avvicina al resto del mondo investendo sulla qualità, sulla trasparenza e sulla responsabilità", questo il commento di Dino Piacentini- Presidente di Aniem, l'Associazione delle pmi edili di Confimi Industria – all'indomani dell'approvazione del provvedimento che passa ora all'esame delle Commissioni Parlamentari.

 

"Fin dall'inizio delle discussioni e delle audizioni istituzionali sul recepimento delle direttive europee avevamo chiesto una riforma radicale, un approccio metodologico diverso rispetto al passato, una normativa più leggera che mirasse a far emergere la capacità del fare delle nostre aziende, gli investimenti, le specializzazioni, le soluzioni progettuali più idonee in un ambito di maggiore trasparenza e di valorizzazione della qualità rispetto al prezzo. 

 

Oggi siamo soddisfatti di una disciplina più improntata al soft law, attenta ad una qualificazione reale degli operatori fondata sulla dimostrazione delle loro capacità e potenzialità, ma anche della loro storia e dei loro comportamenti, così come accogliamo finalmente con piacere un progetto serio di professionalizzazione e qualificazione delle stazioni appaltanti, dalla verifica dei requisiti per bandire una gara alla composizione delle commissioni giudicatrici.", prosegue il Presidente di Aniem.

 

Che aggiunge: "Mai come questa volta ci sembra che il coraggio improntato alla volontà di cambiamento e innovazione abbia prevalso sulla paura e sull'arroccamento conservatore, che peraltro ha trovato anche questa volta i suoi fervidi sostenitori. Ma diamo atto al Governo di aver ascoltato fino all'ultimo le proposte finalizzate a migliorare il testo, soprattutto sul tema della qualificazione per gli appalti fino ad 1 milione di euro."

 

"Ci auguriamo – conclude Piacentini - che l'imminente passaggio parlamentare possa ulteriormente migliorare il Codice, soprattutto su alcuni aspetti che riteniamo importanti per garantire una piena e corretta concorrenza in un sistema economico che, non lo dimentichiamo, è costituito da micro, piccole e medie imprese, realtà produttive che devono essere supportate nei loro processi di crescita con giusti tempi e modalità.

 

In questo senso auspichiamo che siano riviste le norme sulla procedura negoziata fino ad 1 milione di euro che nell'attuale testo prevedono una consultazione limitata anche a soli 5 operatori, scelta che ci pare eccessivamente restrittiva in un mercato che rappresenta circa l'85% degli appalti; così come vorremmo che il grande passo in avanti compiuto con l'individuazione delle commissioni giudicatrici e relativo sorteggio non venisse stemperato dalla norma che consente per gli appalti sotto soglia alla stazione appaltante di nominare componenti interni allo stesso ente appaltante."



--
www.CorrieredelWeb.it

Nessun commento:

Posta un commento

Disclaimer

www.CorrieredelWeb.it e' un periodico telematico senza scopi di lucro, i cui contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali industrie dell'editoria o dell'intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Societa' dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete. In questo la testata ambisce ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.


Pur essendo normalmente aggiornato piu' volte quotidianamente, CorrieredelWeb.it non ha una periodicita' predefinita e non puo' quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001.


L'Autore non ha alcuna responsabilita' per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone. L'Autore si riserva, tuttavia, la facolta' di rimuovere quanto ritenuto offensivo, lesivo o contraro al buon costume.


Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive. Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio. Eventuali detentori dei diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvedera' all'immediata rimozione o citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.


Viceversa, sostenendo una politica volta alla libera circolazione di ogni informazione e divulgazione della conoscenza, ogni articolo pubblicato sul CorrieredelWeb.it, pur tutelato dal diritto d'autore, può essere ripubblicato citando la legittima fonte e questa testata secondo quanto previsto dalla licenza Creative Common.





Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons Creative Commons License






CorrieredelWeb.it è un'iniziativa di Andrea Pietrarota, Sociologo della Comunicazione, Public Reporter, e Giornalista Pubblicista




indirizzo skype: apietrarota



CONTATTI