Cerca nel blog

mercoledì 16 marzo 2016

"Controlli a distanza sul lavoro e Jobs Act, professionisti con le idee confuse"

Il 74% dei professionisti dichiara di non aver ancora ben compreso la nuova disciplina sui controlli a distanza sui lavoratori. App e apparecchi gps venduti in internet senza una corretta informazione sugli adempimenti richiesti dal Codice Privacy aumentano rischio contenziosi nei prossimi mesi. Attesa per incontro a Roma il prossimo 22 marzo con Augusta Iannini, che rappresenterà la posizione dell'Autorità.

Roma, 16 marzo 2016 - A più di cinque mesi dall'entrata in vigore degli ultimi decreti attuativi del Jobs Act, aziende e professionisti non hanno ancora le idee chiare sulla nuova disciplina dei controlli a distanza sui lavoratori.

A evidenziarlo, è un sondaggio online in cui il 74% degli addetti ai lavori ha dichiarato che sulla materia era effettivamente necessario intervenire sullo Statuto dei Lavoratori, ma che d'altra parte il modo in cui sono state fatte le modifiche è risultato poco chiaro.

Anche se l'intento del Jobs Act era quello di rendere lo Statuto dei Lavoratori più adeguato al contesto tecnologico del mondo del lavoro attuale rispetto a quando fu introdotto nel 1970, a quanto pare molte aziende stanno ancora faticando a farsi un quadro nitido di questa materia complessa, che si intreccia tra disciplina giuslavoristica, normativa privacy, e codice penale.

Il rischio, è ovviamente che le aziende si spingano ben oltre ciò che è consentito loro fare quando intendono controllare i propri dipendenti, e di vedere quindi non rispettati i diritti fondamentali che i lavoratori hanno comunque conservato anche dopo il Jobs Act, compresi quelli relativi alla normativa sulla privacy, con un potenziale aumento di contenziosi nei prossimi mesi.

Ad aumentare il pericolo di violazioni della privacy dei lavoratori non ci sono le idee ancora confuse da parte delle aziende, ma anche la facilità con cui è possibile mettere in atto controlli invasivi sui dipendenti, come rileva il presidente di Federprivacy, Nicola Bernardi:

"Sono reclamizzate in internet ed è fin troppo facile acquistare app che possono trasformare smartphone e tablet aziendali in vere e proprie cimici ambientali, oppure apparecchiature gps da installare sugli automezzi in grado di monitorare ogni spostamento dei dipendenti, ma spesso chi acquista questi strumenti non è adeguatamente messo al corrente che alcuni di questi metodi erano e rimangono vietati anche con il Jobs Act, e che anche nei casi in cui è adesso possibile controllare i lavoratori, questi devono essere dovutamente informati, ed è comunque necessario rispettare tutte le prescrizioni del Codice della Privacy."

Per fare maggiore chiarezza sull'argomento, è atteso l'intervento di Augusta Iannini al workshop organizzato da AFGE che si svolgerà il 22 marzo a Roma, dove la vice presidente del Garante rappresenterà la posizione dell'Autorità per la protezione dei dati personali alla luce dei cambiamenti introdotti dal Jobs Act.

All'incontro parteciperanno anche altri esperti della materia, come Luca Bolognini, presidente dell'Istituto Italiano per la Privacy, Marco Marazza, professore ordinario di diritto del lavoro presso l'Università di Teramo, Diego Fulco, direttore dell'Istituto Italiano per la Privacy, e Angelo Jannone, ex ufficiale dei Carabinieri noto per essere stato insieme a Giovanni Falcone autore delle indagini sul patrimonio di Totò Riina, e oggi consulente e docente universitario, che parlerà della gestione delle indagini sui dipendenti infedeli nel contesto regolatorio privacy.

15 marzo 2016




--
www.CorrieredelWeb.it

Nessun commento:

Posta un commento

Disclaimer

www.CorrieredelWeb.it e' un periodico telematico senza scopi di lucro, i cui contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali industrie dell'editoria o dell'intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Societa' dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete. In questo la testata ambisce ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.


Pur essendo normalmente aggiornato piu' volte quotidianamente, CorrieredelWeb.it non ha una periodicita' predefinita e non puo' quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001.


L'Autore non ha alcuna responsabilita' per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone. L'Autore si riserva, tuttavia, la facolta' di rimuovere quanto ritenuto offensivo, lesivo o contraro al buon costume.


Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive. Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio. Eventuali detentori dei diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvedera' all'immediata rimozione o citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.


Viceversa, sostenendo una politica volta alla libera circolazione di ogni informazione e divulgazione della conoscenza, ogni articolo pubblicato sul CorrieredelWeb.it, pur tutelato dal diritto d'autore, può essere ripubblicato citando la legittima fonte e questa testata secondo quanto previsto dalla licenza Creative Common.





Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons Creative Commons License






CorrieredelWeb.it è un'iniziativa di Andrea Pietrarota, Sociologo della Comunicazione, Public Reporter, e Giornalista Pubblicista




indirizzo skype: apietrarota



CONTATTI