Cerca nel blog

lunedì 7 marzo 2016

DECRETO TRASPARENZA/ “RIPARTE IL FUTURO” E “DIRITTO DI SAPERE”: AL VIA LA CAMPAGNA VIDEO PER UN FREEDOM OF INFORMATION ACT SERIO E UTILE. AGGIUSTARE LA LEGGE È ANCORA POSSIBILE

                                                                                

 

Roma, 07/03/2016 - Nel corso della settimana, e forse già martedì 8 marzo, le Commissioni Affari costituzionali di Camera e Senato si esprimeranno attraverso un parere sul Freedom of Information Act (diritto di accesso ai dati della Pubblica amministrazione, Foia) approvato in via preliminare dal governo il 20 gennaio. Benché non vincolante, il parere del Parlamento potrà essere un segnale fondamentale lanciato all'esecutivo: il testo in materia di trasparenza è molto lacunoso e va fortemente revisionato, come chiedono Riparte il futuro e Diritto di Sapere, lanciando un video dal forte impatto comunicativo che denuncia l'inefficacia dell'attuale decreto.

 

A suggerire una riscrittura del testo è stato anche il Consiglio di Stato, che ha ribadito quanto sostenuto da oltre 60.000 cittadini firmatari della petizione Foia4Italy (www.riparteilfuturo.it/foia4italy) di cui Riparte il futuro e Diritto di sapere fanno parte insieme ad altre 30 associazioni e realtà della società civile. Sono numerosi i punti controversi del decreto governativo: in primis, la mancata semplificazione. L'introduzione del Freedom of Information Act non porta infatti a un ridisegno complessivo del diritto di accesso e degli obblighi di trasparenza da parte della Pubblica amministrazione (Pa), aumentando la confusione per i cittadini e per i funzionari pubblici. Allo stesso tempo non viene identificato un responsabile unico a cui rivolgersi per accedere ai dati, complicando ulteriormente la vita del cittadino.

 

Preoccupa poi l'estensione delle eccezioni (delle materie su cui non è possibile fare domanda di accesso). In pratica, la vaghezza della formulazione, lasciando ampio spazio di discrezionalità alle pubbliche amministrazioni, renderà inaccessibili moltissime informazioni in materia di politica economica del Paese o quelle riguardanti gli interessi economici e commerciali di una persona fisica o giuridica.

 

Suscita forti perplessità anche il silenzio-diniego. Infatti, la mancata risposta in trenta giorni a una richiesta di accesso va considerata come un rigetto da parte dell'amministrazione che non ha l'obbligo di giustificarsi. In questo modo il cittadino non potrà sapere se il mancato responso sia imputabile all'assenza del documento o, invece, sia dovuto a una (ma quale?) delle molteplici eccezioni. Di fronte al silenzio dell'amministrazione resterà un'unica strada per veder riconosciuto il proprio diritto: il ricorso alla giustizia amministrativa. Che ha però costi elevati (500 euro di contributo), prevede la consulenza di un avvocato e ha tempi tutt'altro che rapidi e certi. Per questo Foia4Italy ha suggerito ad esempio la via stragiudiziale, coinvolgendo Anac (com'era previsto anche nella delega parlamentare), senza gravare sul portafoglio del cittadino e snellendo la procedura. Peraltro il decreto, introducendo il silenzio-diniego, non prevede sanzioni per le amministrazioni che dovessero rifiutarsi di fornire la documentazione richiesta.

 

In materia di costi, il provvedimento approvato dal governo non è affatto chiaro. I promotori di Foia4Italy credono che vada riaffermato quanto già previsto dalla 241/90: la completa gratuità dell'accesso, fatto salvo il rimborso di eventuali costi eccezionali (come la riproduzione e l'invio fisico dei documenti), che dovranno essere adeguatamente motivati dall'amministrazione. L'era digitale consente di avere documenti facilmente accessibili a costo zero.

 

"Ci aspettiamo un segnale forte dal Parlamento, che faccia proprie le perplessità già espresse dal Consiglio di Stato e da tutti quei cittadini che sottoscrivendo la petizione di Foia4Italy hanno chiesto una profonda revisione del testo approvato dal Consiglio dei ministri. Il Freedom of Information Act non può essere solo un'etichetta senza sostanza ma deve invece essere uno strumento fondamentale per prevenire la corruzione rendendo trasparente la Pa. Chiediamo ai parlamentari che si pronunceranno sul Freedom of Information Act di farlo con chiarezza: il testo va modificato, mettendo al centro le esigenze del cittadino e non quelle della Pa" – sottolinea Federico Anghelé (Riparte il futuro.)

 

"L'elaborazione di questa legge è stata tormentata e ha prodotto un testo non in linea con la legge delega della riforma Pa e già cassato dal consiglio di Stato. C'è ancora uno stretto margine per migliorare e spero che Camera e Senato diano indicazioni al governo in questo senso. Questa legge non solo non può chiamarsi un Freedom of information Act, ma rischia di peggiorare ancora la scarsa trasparenza che c'è in italia togliendo diritti ai cittadini e mettendo in difficoltà le amministrazioni che invece vogliono essere virtuose" – sottolinea Guido Romeo (Diritto di sapere).

 

GUARDA IL VIDEO

https://youtu.be/DwgsSH2qhB8

 

IL VIDEO

In un'ambientazione surreale - in cui non è chiaro se siamo finiti dentro Black Mirror o in una commedia italiana - un ineffabile personaggio ci illustra le mirabolanti caratteristiche della "legge del futuro". Un cittadino comune, come potrebbe essere ognuno di noi, viene scelto per essere il primo a richiedere il libero accesso ai dati della Pa in base al nuovo decreto. Il Freedom of Information Act è incarnato da un funzionario-robot che ben presto inizia a dare risposte sempre più grottesche e bizantine alla richiesta di informazioni da parte del cittadino sulla presenza di amianto nel proprio territorio. Il crescendo è tragicomico.
Non vogliamo fare spoiler del finale, per cui lasciamo la sorpresa, ma il messaggio è che siamo ancora in tempo per aggiustare la legge e dotare il Paese di un Freedom of Information Act serio e utile.

 

GLI ATTORI

 

Gianmarco Pozzoli ("Un passo dal cielo", "Benvenuti al Nord", Zelig) si cala nella parte del "venditore di leggi" creando un'irresistibile parodia dell'ottimismo del potere e delle sue idiosincrasie.

 

Alice Mangione ("Mai dire martedì", "Oggi sposi", "Alice Make Up", "La prova dell'otto") è un avveniristico robot… che non funziona. L'intelligenza artificiale al servizio della burocrazia italiana. Irrazionalmente scientifica nel dare risposte a caso, precisissima nel trovare eccezioni improbabili, la nostra funzionaria è un androide simile ad Apple Siri, pronta a venirvi incontro per ogni vostra esigenza, a vostro rischio e pericolo.

 

Enrico Ballardini (cantautore) interpreta ciascuno di noi, cittadini speranzosi di cambiamento e modernità. Non sarà un decreto mal scritto a scoraggiarlo. Come noi, crede che un Foia degno di questo nome sia possibile e non si ferma davanti a nulla.

 

IL REGISTA

 

Marco Ferrari ha recentemente debuttato con il primo lungometraggio "Simple Being", vincitore di numerosi premi e attualmente distribuito in Sud America. A Los Angeles, dove ha completato gli studi, è stato shadow director di "Desperate housewives".

 

È possibile sostenere la petizione su sito: www.riparteilfuturo.it/foia4italy

 

Riparte il futuro

Con oltre un milione di firme Riparte il futuro è ad oggi la più grande campagna digitale contro la corruzione mai organizzata in Italia.
www.riparteilfuturo.it

 

 

Diritto di Sapere

Diritto Di Sapere è la principale Ong italiana dedicata alla tutela e all'espansione del diritto di accesso alle informazioni in Italia.
www.dirittodisapere.it


Foia4Italy

Foia4Italy è una rete di circa 30 associazioni e realtà della società civile nata allo scopo di ottenere, anche in Italia, una vera legge sul Freedom of information Act.
www.foia4italy.it



--
www.CorrieredelWeb.it

Nessun commento:

Posta un commento

Disclaimer

www.CorrieredelWeb.it e' un periodico telematico senza scopi di lucro, i cui contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali industrie dell'editoria o dell'intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Societa' dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete. In questo la testata ambisce ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.


Pur essendo normalmente aggiornato piu' volte quotidianamente, CorrieredelWeb.it non ha una periodicita' predefinita e non puo' quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001.


L'Autore non ha alcuna responsabilita' per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone. L'Autore si riserva, tuttavia, la facolta' di rimuovere quanto ritenuto offensivo, lesivo o contraro al buon costume.


Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive. Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio. Eventuali detentori dei diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvedera' all'immediata rimozione o citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.


Viceversa, sostenendo una politica volta alla libera circolazione di ogni informazione e divulgazione della conoscenza, ogni articolo pubblicato sul CorrieredelWeb.it, pur tutelato dal diritto d'autore, può essere ripubblicato citando la legittima fonte e questa testata secondo quanto previsto dalla licenza Creative Common.





Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons Creative Commons License






CorrieredelWeb.it è un'iniziativa di Andrea Pietrarota, Sociologo della Comunicazione, Public Reporter, e Giornalista Pubblicista




indirizzo skype: apietrarota



CONTATTI