Cerca nel blog

lunedì 11 aprile 2016

"Regolamento Privacy UE: "Data Protection Officer non si nasce, si diventa"

Sono circa 45.000 le aziende che rientrano nell'obbligo di designare un responsabile della protezione dei dati con il Regolamento UE, ma profilo necessario molto alto e competenze non acquisibili con pochi giorni di formazione. Varie le figure richieste dal mercato e opportunità di lavoro: un'azienda su cinque intende dotarsi di un responsabile privacy, e spazio anche per avvocati e consulenti esperti della materia


Firenze, 11 aprile 2016 - Mancano ormai solo gli ultimi passaggi formali per l'adozione definitiva del Regolamento Europeo sulla protezione dei dati, e poi circa 45mila imprese pubbliche e private avranno due anni di tempo per adempiere all'obbligo di designare un responsabile della protezione dei dati personali, il cosiddetto "data protection officer".

Non saranno però solo degli obblighi di legge ad aprire nuove opportunità nel mercato delle professioni con il Regolamento UE, perchè per adeguarsi alla complesse regole comunitarie, le aziende avranno bisogno di varie figure, e secondo l'Osservatorio di Federprivacy potrebbero essere oltre 100mila le imprese che ricercheranno esperti della materia, tanto che è in cantiere una norma UNI per definire gli standard dei profili professionali dei settori della privacy.

Quello più ambizioso del data protection officer, pare destinato a rimanere escluso dalla normazione tecnica, in quanto figura di livello troppo alto per poter racchiudere in un documento le competenze che gli sono richieste in base alla posizione in cui lo colloca l'art.36 ed i compiti che gli sono attribuiti dall'art.37 del Regolamento Europeo, e neppure esistono abilitazioni o iscrizioni a ordini professionali per ricoprire il ruolo.

Se saranno decine di migliaia quelli richiesti dal mercato del lavoro, d'altra parte sembra il caso di non farsi facili illusioni, perché candidarsi per questo ruolo non sarà alla portata di tutti, e anche l'ex Garante Franco Pizzetti durante un Privacy Day Forum ha sottolineato che "non si può pensare di diventare data protection officer con un corso di tre o quattro giorni".

E' infatti lo stesso art.35 del Regolamento UE a indicare che "il responsabile della protezione dei dati è designato in funzione delle qualità professionali, in particolare della conoscenza specialistica della normativa e delle pratiche in materia di protezione dei dati, e della capacità di adempiere ai compiti" che gli sono attribuiti.

"Si tratta di un ruolo senior multidisciplinare che richiede competenze giuridiche ed informatiche, nonché conoscenze dei sistemi di gestione aziendali ed altri skills trasversali, che non si possono improvvisare né acquisire con brevi corsi di formazione o percorsi puramente accademici, e se deve operare in un contesto multinazionale è richiesta la conoscenza dell'inglese - spiega il presidente di Federprivacy, Nicola Bernardi - E' necessario quindi possedere un certo bagaglio di esperienza nella protezione dei dati, e solitamente ci vogliono mesi o addirittura anni per diventare idonei a svolgere la funzione di data protection officer."

Anche se un professionista non ha ancora raggiunto l'elevato spessore necessario per ricoprire questo specifico ruolo e forse dovrà fare un po' di "gavetta", ciò non toglie che il mercato del lavoro richiederà anche altre figure complementari, ed offre molte opportunità che permettono al contempo di accumulare competenze e maturare esperienza fino a quando non si sarà adeguatamente preparati per potersi proporre come data protection officer. Infatti una ricerca di Federprivacy ha evidenziato che il 19,7% delle mille aziende intervistate avverte la necessità di avere nel proprio organico un responsabile privacy, il 28,8% ritiene che la figura più richiesta nel settore sarà il privacy officer, mentre il 13,4% delle imprese pensa che ricorrerà ad avvocati specializzati in materia di protezione dei dati, e in ogni caso 15,8% delle aziende intende avvalersi di un consulente esperto in materia per adeguarsi al Regolamento UE.

--
www.CorrieredelWeb.it

Nessun commento:

Posta un commento

Disclaimer

www.CorrieredelWeb.it e' un periodico telematico senza scopi di lucro, i cui contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali industrie dell'editoria o dell'intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Societa' dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete. In questo la testata ambisce ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.


Pur essendo normalmente aggiornato piu' volte quotidianamente, CorrieredelWeb.it non ha una periodicita' predefinita e non puo' quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001.


L'Autore non ha alcuna responsabilita' per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone. L'Autore si riserva, tuttavia, la facolta' di rimuovere quanto ritenuto offensivo, lesivo o contraro al buon costume.


Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive. Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio. Eventuali detentori dei diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvedera' all'immediata rimozione o citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.


Viceversa, sostenendo una politica volta alla libera circolazione di ogni informazione e divulgazione della conoscenza, ogni articolo pubblicato sul CorrieredelWeb.it, pur tutelato dal diritto d'autore, può essere ripubblicato citando la legittima fonte e questa testata secondo quanto previsto dalla licenza Creative Common.





Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons Creative Commons License






CorrieredelWeb.it è un'iniziativa di Andrea Pietrarota, Sociologo della Comunicazione, Public Reporter, e Giornalista Pubblicista




indirizzo skype: apietrarota



CONTATTI