Cerca nel blog

martedì 28 giugno 2016

Riforme: gli agricoltori hanno 10 miliardi di motivi per dire "si" al referendum e al taglio di Enti inutili

In un seminario nazionale tra i dirigenti territoriali della Cia, approfonditi e dibattuti i temi della Riforma dell'assetto Istituzionale, alla presenza della Ministra Maria Elena Boschi e della vice presidente della Camera, Marina Sereni. Gli agricoltori chiedono: "Semplificazione, processi normativi smart e una rappresentanza moderna e vicina ai bisogni delle imprese".

 
Gli agricoltori scelgono la linea della coerenza. Burocrazia, bicameralismo perfetto, Enti, strutture e sovrastrutture e un modello di rappresentanza da rivedere hanno da sempre caratterizzato quel "mostro" da sconfiggere. Provvedimenti importanti per lo sviluppo del settore impantanati, per anni, nel "ping pong" tra Camera e Senato, miliardi di euro liquefatti nella gestione di apparati, e poi tra lacci e lacciuoli invece di essere investiti per le imprese.

Tutto ciò, accompagnato dal numero eccessivo di livelli istituzionali, che rendono faticoso e macchinoso il funzionamento dell'Amministrazione pubblica, spingono gli agricoltori verso un cambio di rotta: al referendum voteranno "SI". Questa posizione si è confermata nel seminario promosso a Roma dalla Cia-Agricoltori Italiani che ha chiamato a raccolta i vertici dirigenziali dell'organizzazione, territoriali e nazionali, per una riflessione a 360 gradi sul futuro assetto istituzionale del Paese. Un evento che ha potuto contare sulla presenza del Ministro delle Riforme Istituzionali e dei rapporti con il Parlamento, Maria Elena Boschi oltre che della Vice presidente della Camera, Marina Sereni.

Sono serviti due anni -hanno evidenziato i vertici di Cia- ad oggi senza un approdo finale, per varare il "Collegato agricolo" alla Legge di stabilità, questo è solo un esempio di come le cose non possano più andare avanti così. Ma nel conto -hanno detto i dirigenti della Cia- mettiamo anche il persistere di una miriade di Enti, strutture e uffici nati per semplificare la vita dell'imprenditore agricolo, che invece non ne ha tratto alcun beneficio. Il saldo negativo, a spanne, ammonta a 10 miliardi l'anno che potevano e dovevano essere spesi in altro modo.

All'orizzonte vediamo -ha puntualizzato nel suo intervento il presidente nazionale della Cia, Dino Scanavino- un cambiamento profondo dell'assetto statale, comprensivo anche delle funzioni e del ruolo della rappresentanza. Finalmente possibile e auspicabile grazie al combinato disposto tra riforma della Costituzione, legge elettorale e legge di riforma della Pubblica amministrazione (legge Madia).

Crediamo -ha spiegato Scanavino- in un nuovo modello di rappresentanza per gli agricoltori, che abbandonando quell'approccio generalista, già bocciato dalla storia, possa interfacciarsi meglio verso i reali problemi e trovare soluzioni concrete e vicine ai fabbisogni reali. Valutiamo nel concreto alcuni esempi interessanti come l'esperienza europea dei "Gruppi di dialogo civile" che per l'agricoltura hanno dimostrato di essere un esempio vincente nella concertazione. Al tempo stesso, è necessario individuare una nuova collocazione dove le parti sociali possano confrontarsi e contribuire attivamente alle scelte da intraprendere. In questa fase -ha concluso il presidente della Cia- siamo pronti responsabilmente a metterci in gioco, però chiediamo chiarezza e risposte puntuali al Governo rispetto al ruolo e le competenze future che ci investiranno come forza sociale.

Nessun commento:

Posta un commento

Disclaimer

www.CorrieredelWeb.it e' un periodico telematico senza scopi di lucro, i cui contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali industrie dell'editoria o dell'intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Societa' dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete. In questo la testata ambisce ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.


Pur essendo normalmente aggiornato piu' volte quotidianamente, CorrieredelWeb.it non ha una periodicita' predefinita e non puo' quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001.


L'Autore non ha alcuna responsabilita' per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone. L'Autore si riserva, tuttavia, la facolta' di rimuovere quanto ritenuto offensivo, lesivo o contraro al buon costume.


Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive. Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio. Eventuali detentori dei diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvedera' all'immediata rimozione o citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.


Viceversa, sostenendo una politica volta alla libera circolazione di ogni informazione e divulgazione della conoscenza, ogni articolo pubblicato sul CorrieredelWeb.it, pur tutelato dal diritto d'autore, può essere ripubblicato citando la legittima fonte e questa testata secondo quanto previsto dalla licenza Creative Common.





Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons Creative Commons License






CorrieredelWeb.it è un'iniziativa di Andrea Pietrarota, Sociologo della Comunicazione, Public Reporter, e Giornalista Pubblicista




indirizzo skype: apietrarota



CONTATTI