Cerca nel blog

martedì 12 luglio 2016

DIVORZI: QUANDO IL PARTNER È VEGANO LE PROBABILITÀ AUMENTANO, + 20% ALL’ANNO A CAUSA DI REGIMI ALIMENTARI INCOMPATIBILI

I dati dell'associazione Familylegal: in aumento le liti sulla dieta dei figli


Milano, 12 luglio 2016 – Se un tempo erano i tradimenti e la gelosia ossessiva del partner, piuttosto che la routine che sfociava in totale indifferenza a scatenare le crisi di coppia più profonde e a condurre verso l'inevitabile epilogo del divorzio, oggi i motivi per cui ci si lascia sembrano essere molto differenti.

Le classifiche non lasciano spazio a dubbi: in Italia, soprattutto al nord, i matrimoni hanno vita sempre più breve. Lo dimostrano le recenti rilevazioni Istat, che mostrano come negli ultimi 15 anni, dal 2000 a oggi, le separazioni siano aumentate di circa il 25% e i divorzi di quasi il doppio. La legge sul divorzio breve ha dato un'ulteriore spinta alla decisione di molte coppie a dirsi addio, riducendo a soli 6 mesi le tempistiche nel caso di pratiche consensuali.

A Milano, nel 2015 prosegue il trend del 2014 confermando un aumento delle separazioni a un anno dalla celebrazione delle nozze principalmente fra giovani in età compresa tra i 20 e i 30 anni. Solo il 25% di queste unioni sembra superare la scadenza dei 5 anni. 

"Il quadro milanese è sicuramente amplificato rispetto al resto d'Italia, ma offre un panorama chiaro di quanto, fatte le debite proporzioni, è ormai il percorso della maggior parte delle relazioni odierne - spiega l'avvocato Lorenzo Puglisi, Presidente e fondatore dell'associazione Familylegal, che precisa – I motivi però sempre più spesso sono estranei alle questioni 'sentimentali' e toccano sfere nuove: la principale è quella dei nuovi 'credo alimentari'".

Il terreno di scontro è sempre di più la dieta, tanto che è possibile stilare una classifica dei 5 motivi per cui il divorzio nasce a tavola.

Al primo posto l'avvocato Puglisi mette senza dubbio l'isteria da regime alimentare vegano. "Se uno dei due è un fervente vegetariano, o peggio, un vegano, il rapporto è a rischio. Può succedere una persona, nel 99% dei casi l'onnivoro, soprattutto all'inizio della relazione, quando la passione di coppia è forte e si crede di poter fare un sacrificio in nome dell'amore, cambi regime alimentare. Ma presto o tardi la scelta inizia a pesare, più spesso pesa l'intransigenza del partner", spiega Puglisi. E la voglia di mordere bistecche e partner insieme si fa sentire più forte che mai.

Lo scontro sulle regole alimentari con cui allevare i figli si guadagna il secondo posto: è notizia di questi giorni quella di un bambino  di un anno ricoverato d'urgenza a Milano perché fortemente denutrito (a 12 mesi pesava quanto un bambino di 3), che i genitori stavano 'crescendo' con una dieta vegana. "In casi come questo gli scontri sono molto molto accesi perché nessuno dei due è disposto a cedere, considerato che di mezzo c'è la salute di un figlio. Quando i genitori non si trovano d'accordo, in 6 casi su 10 si arriva a divorziare", commenta ancora Puglisi.

Al terzo posto fra i motivi di scontro 'alimentare' fa capolino la cucina di mammà. "La suocera che cucina meglio e il marito che non perde occasione per farlo pesare è un grande classico. A volte la competizione diventa un fattore di stress tale da causare liti reiterate che sfociano nella rottura", sostiene Puglisi. E la moglie esausta rispedisce il marito al mittente, al grido di 'Tornatene da tua madre'.

Ma la dieta è spesso causa di litigi anche per via degli scompensi ormonali e di conseguenza 'umorali' a cui le ristrettezze e i divieti inevitabilmente conducono: "Non capita di rado che arrivi da me qualche coniuge disperato per le conseguenze di diete troppo drastiche. Depressione, sbalzi d'umore, calo di energie, fissazioni esagerate: tutti atteggiamenti che mettono a dura prova la pazienza del partner, il quale spesso è addirittura costretto alle stesse limitazioni per non urtare la sensibilità del compagno o per evitare di metterlo in crisi di fronte ad alimenti e pietanze per lui proibiti".

Dulcis in fundo – è proprio il caso di dirlo – al quinto posto dei motivi di scontro sul desco familiare le discussioni su come preparare pranzi e cene per le festività: ci sono i parenti che non aspettano altro che le festività natalizie per sfogare a tavola i desideri alimentari repressi di un anno intero, i bambini che mangiano solo determinati alimenti, la cugina celiaca, lo zio intollerante: preparare una tavola che accontenti tutti è impossibile e le liti si susseguono.

Attenzione quindi a queste premesse quando si intraprende una nuova relazione: "Quando ci si trova in situazioni simili, si innesca spesso un rifiuto verso l'altro, perché andare d'accordo a tavola oggi è tanto importante quando intendersi sotto le lenzuola. Più che chiedere il segno zodiacale altrui oggi, forse è il caso di informarsi su quale sia la dieta del futuro partner", conclude Puglisi.


--
www.CorrieredelWeb.it

Nessun commento:

Posta un commento

Disclaimer

www.CorrieredelWeb.it e' un periodico telematico senza scopi di lucro, i cui contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali industrie dell'editoria o dell'intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Societa' dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete. In questo la testata ambisce ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.


Pur essendo normalmente aggiornato piu' volte quotidianamente, CorrieredelWeb.it non ha una periodicita' predefinita e non puo' quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001.


L'Autore non ha alcuna responsabilita' per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone. L'Autore si riserva, tuttavia, la facolta' di rimuovere quanto ritenuto offensivo, lesivo o contraro al buon costume.


Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive. Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio. Eventuali detentori dei diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvedera' all'immediata rimozione o citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.


Viceversa, sostenendo una politica volta alla libera circolazione di ogni informazione e divulgazione della conoscenza, ogni articolo pubblicato sul CorrieredelWeb.it, pur tutelato dal diritto d'autore, può essere ripubblicato citando la legittima fonte e questa testata secondo quanto previsto dalla licenza Creative Common.





Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons Creative Commons License






CorrieredelWeb.it è un'iniziativa di Andrea Pietrarota, Sociologo della Comunicazione, Public Reporter, e Giornalista Pubblicista




indirizzo skype: apietrarota



CONTATTI