Cerca nel blog

mercoledì 24 agosto 2016

ECOBONUS FISCALE ANCHE PER I CONDOMINII - Achille Colombo Clerici intervistato da Class CNBC

Il presidente di Assoedilizia Achille Colombo Clerici intervistato da Class CNBC sull'ecobonus per i condominii.

IL 65% DI ECOBONUS  FISCALE ANCHE PER I CONDOMINII

Tuttavia, quasi 1,5 milioni di unita' immobiliari dei 12 milioni interessate dalla misura, andrebbero rottamate.

Un fondo pubblico-privato da 4-5 miliardi per finanziare, attraverso l' ecobonus del 65%, la riqualificazione energetica di 12 milioni di unita' immobiliari – ma si parla anche di scuole e uffici - costruiti negli anni '50, '60 e '70 nelle periferie e oggi bisognosi di interventi radicali.


Il piano Delrío-Morando prende forma in vista della legge di bilancio. E parte dalla constatazione: soprattutto quando si tratti di immobili di scarsa qualità ed abitati da famiglie a basso reddito, e' frequente il caso che, pur in presenza del bonus fiscale, non ci sia interesse da parte dei condomini a compiere gli interventi,  perche' il reddito delle singole famiglie e' incapiente in rapporto alla entita' della prevista detrazione fiscale del 65 % della spesa, pur diluita in 10 anni.


Dichiarazione del presidente di Assoedilizia e vicepresidente di Confedilizia Achille Colombo Clerici

« Avevamo anticipato la notizia due mesi fa, a seguito di un incontro intervenuto con il Viceministro dell'economia Enrico Morando.

Si trattava di una nuova idea per favorire gli interventi edilizio-impiantistici volti all'efficientamento energetico di molti edifici condominiali, abitati da famiglie dal reddito non elevato.  Una idea da introdurre nella legge di bilancio.

Soprattutto in caso di immobili di scarsa qualita' realizzati negli anni '50 e '60 ed abitati da famiglie a basso reddito, e' frequente che, pur in presenza del bonus fiscale, non ci sia interesse da parte dei condomini a compiere gli interventi,  perche' il reddito delle singole famiglie e' incapiente in rapporto alla entita' della prevista detrazione fiscale del 65 % della spesa, pur diluita in 10 anni.
 
L'idea e' quella di favorire la formazione di operatori che siano in grado (Esco - Energy Service Company) di compiere l'intervento di efficientamento, autofinanziandolo con l'ausilio della Cassa depositi e prestiti,  rivalendosi per un certo numero di anni sul singolo condomino il quale consegue un risparmio energetico e quindi va sostanzialmente alla pari.

Insomma per l'utente, il vantaggio della "detraibilita' " si attuerebbe, non sul piano fiscale, bensi' sul piano del risparmio dei costi di funzionamento dell'impianto energetico.

Sul piano pubblico, lo Stato incassa l'Iva, incrementa il Pil, riqualifica il tessuto urbano delle citta', riduce l'inquinamento atmosferico.

Giudichiamo dunque virtuosa, dal punto di vista economico, questa misura, per la sua duplice valenza: da un lato sul piano della riqualificazione del patrimonio immobiliare (anche ai fini del risparmio energetico) e dall'altro per la sua portata anticiclica.

Osserviamo che essa interessa prevalentemente gli immobili costruiti dall'edilizia civile e cooperativistica pro diviso, risalenti agli anni '50 e '60
del secolo scorso. Si tratta, secondo una stima circolante presso i tecnici, di 12 milioni di unita'. Immobilliari, riunite in condominii, delle quali ritebiamo che circa 1,5 milioni possano versare in uno stato di conservazione e di funzionalita'  (es. costruiti senza il rispetto delle norme antisismiche del 1970) tale da renderne sconveniente il recupero, se non previa sostituzione edilizia.

Impegnare in un progetto economico i proprietari condomini occupanti edifici di questo genere, potrebbe rendere assai piu' difficile ogni futura operazione di rigenerazione urbana maggiormente radicale.

E' necessario quindi coordinare l'ecobonus per i condominii di cui stiamo parlando, con il progetto di rinnovamento urbano delle citta'.»  




Foto: Achille. Colombo Clerici con il viceministro Enrico Morando



--
www.CorrieredelWeb.it

Nessun commento:

Posta un commento

Disclaimer

www.CorrieredelWeb.it e' un periodico telematico senza scopi di lucro, i cui contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali industrie dell'editoria o dell'intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Societa' dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete. In questo la testata ambisce ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.


Pur essendo normalmente aggiornato piu' volte quotidianamente, CorrieredelWeb.it non ha una periodicita' predefinita e non puo' quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001.


L'Autore non ha alcuna responsabilita' per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone. L'Autore si riserva, tuttavia, la facolta' di rimuovere quanto ritenuto offensivo, lesivo o contraro al buon costume.


Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive. Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio. Eventuali detentori dei diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvedera' all'immediata rimozione o citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.


Viceversa, sostenendo una politica volta alla libera circolazione di ogni informazione e divulgazione della conoscenza, ogni articolo pubblicato sul CorrieredelWeb.it, pur tutelato dal diritto d'autore, può essere ripubblicato citando la legittima fonte e questa testata secondo quanto previsto dalla licenza Creative Common.





Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons Creative Commons License






CorrieredelWeb.it è un'iniziativa di Andrea Pietrarota, Sociologo della Comunicazione, Public Reporter, e Giornalista Pubblicista




indirizzo skype: apietrarota



CONTATTI