Cerca nel blog

giovedì 3 novembre 2016

Dl Fiscale: M5S, Governo boccia tagli a burocrazia agricoltura

Pronto un emendamento per agevolazioni per agricoltori con reddito inferiore a 20mila euro annui


Roma, 3.11.2016 – "Bocciate le proposte del M5S alla delega fiscale per la semplificazione burocratica in agricoltura che prevedevano di abolire lo spesometro per gli agricoltori con un reddito al di sotto dei 7mila euro e la comunicazione trimestrale delle fatture emesse e ricevute per chi ha un fatturato sotto i 20mila euro l'anno. Viene così svelata l'ipocrisia di Renzi e del ministro delle Politiche Agricole, Martina, che va dai falsi spot sul taglio delle tasse, passando per lo slogan 'restituire il giusto valore alla terra e a chi la lavora' sino all'aumento della burocrazia, come dimostra poi la prova dei fatti". Così i deputati del M5S della Commissione Agricoltura commentano il voto di oggi al parere alla delega fiscale. "Di fatto, ad oggi, si assiste ad una contraddizione legislativa che costringe i coltivatori con reddito non superiore a 7mila euro e che ricadono in regime di esonero Iva a comunicare le operazioni rilevanti ai fini Iva, ignorando che la stessa categoria di agricoltori, per legge, non è tenuta a conservare i registri fiscali. Un gap che il Governo non ha voluto colmare, bocciando la nostra richiesta e penalizzando il comparto agricolo nazionale. Ancor di più con l'art. 4 della Delega Fiscale che prevede la 'Comunicazione dei dati delle fatture emesse e ricevute' per tutte le imprese agricole ogni tre mesi. Abbiamo già pronto un emendamento per chiedere l'esonero dalla comunicazione quantomeno per quei soggetti con un volume d'affari realizzato nell'anno precedente non superiore a 20mila euro. Ci pare una misura di buon senso, in grado di andare incontro almeno ai piccoli produttori agricoli e ci auguriamo che la maggioranza vorrà essere dalla loro parte".

Nessun commento:

Posta un commento

Disclaimer

www.CorrieredelWeb.it e' un periodico telematico senza scopi di lucro, i cui contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali industrie dell'editoria o dell'intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Societa' dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete. In questo la testata ambisce ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.


Pur essendo normalmente aggiornato piu' volte quotidianamente, CorrieredelWeb.it non ha una periodicita' predefinita e non puo' quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001.


L'Autore non ha alcuna responsabilita' per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone. L'Autore si riserva, tuttavia, la facolta' di rimuovere quanto ritenuto offensivo, lesivo o contraro al buon costume.


Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive. Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio. Eventuali detentori dei diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvedera' all'immediata rimozione o citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.


Viceversa, sostenendo una politica volta alla libera circolazione di ogni informazione e divulgazione della conoscenza, ogni articolo pubblicato sul CorrieredelWeb.it, pur tutelato dal diritto d'autore, può essere ripubblicato citando la legittima fonte e questa testata secondo quanto previsto dalla licenza Creative Common.





Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons Creative Commons License






CorrieredelWeb.it è un'iniziativa di Andrea Pietrarota, Sociologo della Comunicazione, Public Reporter, e Giornalista Pubblicista




indirizzo skype: apietrarota



CONTATTI