Cerca nel blog

domenica 8 gennaio 2017

SCUOLA e UNIVERSITÀ – MILLEPROROGHE - Da lunedì il decreto sotto la lente del Senato: per Scuola e Università

In caso contrario il prossimo anno scolastico e accademico i problemi diventeranno insanabili. Durante le vacanze natalizie il sindacato Anief ha sviluppato una serie di modifiche normative che il Parlamento ha ora l'occasione di esaminare apportando i dovuti accorgimenti al decreto legge n. 244 del 30 dicembre 2017 che verrà esaminato nei dettagli con la riapertura dei lavori‎ fissata la prossima settimana: primo step affidato alla Commissione Affari Costituzionali.

 

Gli emendamenti riguardano diversi punti: dalla proroga dei termini per attuare le nove leggi delega previste dalla Legge 107/2015 all'inserimento degli abilitati nella fascia aggiuntiva GaE; dal reclutamento di 20mila Ata e 8mila maestri d'infanzia alla stabilizzazione di 500 educatori in organico potenziato; dal reclutamento dei vincitori dell'ultimo concorso a cattedra alla validità delle Graduatorie di merito dove inserire tutti gli idonei all'organizzazione di prove suppletive dello stesso concorso per i candidati laureati o educatori ricorrenti; dall'estensione del corso-concorso per presidi ai ricorrenti del 2011 alla cancellazione del limite-beffa di 36 mesi di servizio svolto per la stipula di contratti a termine. Infine, in ambito universitario e di ricerca, Anief reputa sempre più impellente l'esigenza di assumere a tempo indeterminato i ricercatori e la proroga del blocco per i distacchi e i comandi di docenti e personale Ata presso enti e Università.

 

Marcello Pacifico (Anief-Cisal)per Governo e Parlamento è un'occasione importante per evitare che i problemi organizzativi si ripercuotano negativamente sulla didattica e sulla formazione degli studenti. L'opera del nostro sindacato non si fermerà qui: nei prossimi giorni saranno infatti presentate ulteriori proposte, sempre attinenti allo spirito del provvedimento che non permette abrogazioni o soluzioni innovative se non già adottate attraverso precedenti provvedimenti analoghi.

 

 

Il decreto Milleproroghe arriva sotto la lente delle commissioni parlamentari del Senato: da dopodomani, con la riapertura dei lavori‎ parlamentari, l'esame del decreto legge n. 244 approvato il 30 dicembre 2016, verrà infatti esaminato dalla I Commissione permanente, che si occupa di Affari Costituzionali. Tra le modifiche da apportare al testo, ve ne sono diverse che riguardano la scuola: occorrono, infatti, alcuni interventi urgenti, altrimenti con il prossimo anno scolastico sarà avvolta da enormi problemi organizzativi con ripercussioni negative sulla didattica e sulla formazione degli alunni e accademica. Per questi motivi, durante le vacanzenatalizie il sindacato Anief ha sviluppato una serie di modifiche normative, che ora i parlamentari sono chiamati ad esaminare.

 

Sono diversi i punti segnalati dal giovane sindacato ai nostri parlamentari: dalla proroga dei termini per attuare le nove leggi delega previste dalla discussa Legge 107/2015, all'inserimento dei docenti abilitati nella fascia aggiuntiva delle Graduatorie ad Esaurimento, dove ci sono tante classi di concorso senza più candidati; dal reclutamento di 20mila Ata (amministrativi, tecnici e ausiliari della scuola) 8mila docenti della scuola dell'infanzia, alla stabilizzazione di 500 educatori in organico potenziato; dal reclutamento dei vincitori dell'ultimo concorso a cattedra, per i quali sono incredibilmente scomparsi i posti, alla validità delle Graduatorie di merito dove inserire tutti gli idonei all'organizzazione di prove suppletive dello stesso ultimo concorso per i candidati laureati o educatori ricorrenti.

 

Attraverso il decreto Milleproroghe, Anief chiede pubblicamente pure l'estensione del corso-concorso per dirigenti scolastici ai ricorrenti del 2011. L'organizzazione sindacale torna anche a chiedere, supportata dai rilievi mossi dalla Corte di Giustizia europea in materia, di "rivedere la norma che introduce il limite di 36 mesi alla stipula di contratti a tempo determinato che, lungi dal rappresentare la soluzione al problema all'abuso di contratti a tempo determinato nella scuola statale italiana, configurerebbe invece una illegittima violazione del principio meritocratico alla base dell'individuazione degli aspiranti docenti, in quanto impedirebbe a chi ha un punteggio maggiore (come noto, derivante prevalentemente da una maggiore anzianità di servizio) di stipulare contratti a tempo determinato, che andrebbero invece assegnati ad aspiranti con punteggio ed anzianità di servizio minori".

 

Infine, in ambito universitario e di ricerca, Anief reputasempre più impellente l'esigenza di assumere a tempo indeterminato i tanti ricercatori posti da troppo tempo in una assurda situazione di limbo, creando un apposito per loro un albo nazionale. Come è fondamentale attuare la proroga del blocco per i distacchi e i comandi di docenti e personale Ata presso enti e Università.

 

"Governo e Parlamento hanno la possibilità di prendere in considerazione le necessità da noi poste, attraverso questi emendamenti al Milleproroghe – spiega Marcello Pacifico, presidente nazionale Anief e segretario confederale Cisal  proprio per evitare che i problemi organizzativi si ripercuotano negativamente sulla didattica e sulla formazione degli studentiAnief fa sapere sin d'ora che non si fermerà qui: nei prossimi giorni saranno infatti presentate ulteriori proposte al Governo e ai parlamentari,sempre attinenti allo spirito del provvedimento che non permette abrogazioni o soluzioni innovative se non già adottate attraverso precedenti provvedimenti analoghi".

 

L'elenco completo degli emendamenti Anief al decreto-legge 30 dicembre 2016, n. 244: proroga e definizione dei termini.

 



--
www.CorrieredelWeb.it

Nessun commento:

Posta un commento

Disclaimer

www.CorrieredelWeb.it e' un periodico telematico senza scopi di lucro, i cui contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali industrie dell'editoria o dell'intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Societa' dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete. In questo la testata ambisce ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.


Pur essendo normalmente aggiornato piu' volte quotidianamente, CorrieredelWeb.it non ha una periodicita' predefinita e non puo' quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001.


L'Autore non ha alcuna responsabilita' per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone. L'Autore si riserva, tuttavia, la facolta' di rimuovere quanto ritenuto offensivo, lesivo o contraro al buon costume.


Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive. Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio. Eventuali detentori dei diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvedera' all'immediata rimozione o citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.


Viceversa, sostenendo una politica volta alla libera circolazione di ogni informazione e divulgazione della conoscenza, ogni articolo pubblicato sul CorrieredelWeb.it, pur tutelato dal diritto d'autore, può essere ripubblicato citando la legittima fonte e questa testata secondo quanto previsto dalla licenza Creative Common.





Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons Creative Commons License






CorrieredelWeb.it è un'iniziativa di Andrea Pietrarota, Sociologo della Comunicazione, Public Reporter, e Giornalista Pubblicista




indirizzo skype: apietrarota



CONTATTI