Cerca nel blog

giovedì 6 luglio 2017

FIPER: La mancanza di una Legge Quadro e le disparità nell’incentivazione unite ai vari ritardi burocratici rischiano davvero di deprimere il settore del Teleriscaldamento a biomassa

Convegno "La disciplina delle incentivazioni e delle rinnovabili. Evoluzioni e problematicità"

FIPER: La Mancanza di una Legge Quadro e le disparità nell'incentivazione unite ai vari ritardi burocratici rischiano davvero di deprimere il settore del Teleriscaldamento a biomassa.

Walter Righini: "Viene da chiedersi se lo sviluppo del Teleriscaldamento con la sua forte valenza territoriale e i suoi benefici ambientali rientrino ancora  nell'interesse generale del Paese"

Milano 6 Luglio 2017 - Si è svolto oggi a Milano, organizzato dall'Università Cattolica del Sacro Cuore, il Convegno dal titolo "La disciplina delle incentivazioni e delle rinnovabili. Evoluzioni e problematicità"

La FIPER, Federazione Italiana dei Produttori di Energia da Fonti Rinnovabili, ha portato la propria esperienza per contribuire a fare un quadro il più possibile completo della situazione attuale con uno sguardo rivolto alle problematiche dell'incentivazione nel settore del Teleriscaldamento a biomassa.

"La Direttiva Europea sull'Efficienza Energeticacommenta Walter Righini Presidente FIPERriconosce un ruolo di primo piano allo sviluppo del teleriscaldamento efficiente per la riduzione di energia primaria e l'impiego di fonti presenti sul territorio europeo. Ma in Italia, l'aver conferito mandato all'AEEGSI  (nel DL 102/2014 di recepimento) di promuovere il teleriscaldamento e la concorrenza attraverso l'attribuzione di funzioni regolatorie specifiche, senza però definire una legge quadro per il settore. Dalle ultime consultazioni pubbliche avviate da AEEGSI, risulta evidente tra gli operatori che un approccio regolatorio stringente così come proposto dall'Autority stessa, diminuirà la competitività degli impianti di tlr a biomassa rispetto altre forme di riscaldamento presenti sul mercato anziché favorirne il loro sviluppo".

Un altro grande problema, secondo FIPER, riguarda la disparità di trattamento che esiste nelle incentivazioni tra chi produce energia elettrica e chi produce energia termica utilizzando biomasse legnose. "L'aver riconosciuto i Certificati Verdisottolinea Walter Righinia chi produce energia elettrica utilizzando la biomassa legnosa ha favorito in Italia l'avvio di centrali di taglia medio –grande (10-50 MWe) che dissipano il calore contemporaneamente prodotto a fronte però di un'offerta di biomassa a livello locale spesso incapace di soddisfare la richiesta continua (paria circa 8000 ore/anno) di questa tipologia di impianti, determinando così forti importazioni di biomasse dall'estero. Fiper condivide a riguardo l'orientamento della SEN di trasferire la politica di incentivazione verso altre tecnologie più performanti e propone ad esempio di incentivare e favorire le imprese forestali operanti sul territorio".

Il ritardo legislativo e la burocrazia sono infine gli altri due fattori che costituiscono un blocco per l'attrazione degli investimenti nella realizzazione di nuove reti di tlr o nell'estensione delle esistenti. A titolo di esempio, il d.lgs.28/2011 ha costituito il fondo di garanzia per la realizzazione delle reti di tlr, convogliato poi nel fondo di efficienza energetica, ad oggi non è ancora disponibile sul mercato per la mancanza del decreto attuativo relativo al suo funzionamento. Attualmente è accantonato presso la Cassa Conguaglio un gettito di circa 120 milioni di Euro che potrebbe essere usato allo scopo.

"Le prospettive di penetrazione del teleriscaldamento a biomassa - conclude Walter Righini - sono di estremo interesse per lo sviluppo delle aree interne italiane, e penso anche alle zone colpite dal recente sisma, e per gli importanti effetti ambientali derivanti da una programmata, continuativa e funzionale gestione forestale. Resta da capire però se la realizzazione di questi progetti, a forte valenza territoriale, rientri ancora nell'interesse generale del Paese: da quello che vediamo…. ". 




--
www.CorrieredelWeb.it

Nessun commento:

Posta un commento

Disclaimer

www.CorrieredelWeb.it e' un periodico telematico senza scopi di lucro, i cui contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali industrie dell'editoria o dell'intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Societa' dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete. In questo la testata ambisce ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.


Pur essendo normalmente aggiornato piu' volte quotidianamente, CorrieredelWeb.it non ha una periodicita' predefinita e non puo' quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001.


L'Autore non ha alcuna responsabilita' per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone. L'Autore si riserva, tuttavia, la facolta' di rimuovere quanto ritenuto offensivo, lesivo o contraro al buon costume.


Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive. Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio. Eventuali detentori dei diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvedera' all'immediata rimozione o citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.


Viceversa, sostenendo una politica volta alla libera circolazione di ogni informazione e divulgazione della conoscenza, ogni articolo pubblicato sul CorrieredelWeb.it, pur tutelato dal diritto d'autore, può essere ripubblicato citando la legittima fonte e questa testata secondo quanto previsto dalla licenza Creative Common.





Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons Creative Commons License






CorrieredelWeb.it è un'iniziativa di Andrea Pietrarota, Sociologo della Comunicazione, Public Reporter, e Giornalista Pubblicista




indirizzo skype: apietrarota



CONTATTI