Cerca nel blog

martedì 8 marzo 2016

Riforma del sistema bancario: un emendamento per riconoscere il valore sociale della finanza etica

Una proposta di emendamento introduce la finanza etica nel dibattito parlamentare sulle riforme che vedono coinvolte le banche

Roma, 8 marzo 2016. Nell'ambito del lavoro del Parlamento per riformare le regole del sistema creditizio, Banca Etica accoglie con favore una proposta di emendamento che mira a introdurre nel panorama normativo un importante riconoscimento per la finanza etica.

La proposta di modifica al Decreto legge 14 febbraio 2016, n.18, disciplina trattamenti fiscali differenziati per gli istituti di credito che:
•        svolgono una valutazione anche di carattere sociale e ambientale per i finanziamenti erogati a persone giuridiche;
•        danno evidenza pubblica dei finanziamenti erogati a persone giuridiche;
•        dedicano ad organizzazioni nonprofit o imprese sociali almeno il 30% del proprio portafoglio crediti;
•        non distribuiscono profitti, ma li reinvestono nella propria attività;
•        sono caratterizzati da governance a forte orientamento democratico e partecipativo;
•        hanno politiche retributive tese a contenere al massimo la differenza tra la remunerazione maggiore e quella media della banca.

L'emendamento è stato presentato da oltre 30 parlamentari, tra cui Giulio Marcon (primo firmatario, Sinistra Italiana), Marco Causi (Partito Democratico), Mario Sberna (Popolari per l'Italia).

"Riteniamo che questo emendamento vada nella giusta direzione: quella di definire le caratteristiche della finanza etica e di invitare gli istituti di credito a fare scelte di trasparenza e sostenibilità. Auspichiamo il massimo sostegno di tutti i parlamentari e la più ampia convergenza politica su questa proposta di legge per il riconoscimento di modelli di banca realmente al servizio della collettività." – dichiara Ugo Biggeri, presidente di Banca Etica. "La sfida che Banca Etica cerca di raccogliere sin dalla sua nascita - nel 1999 - è quella di integrare nella dimensione bancaria la capacità di produrre impatti sociali ed ambientali positivi" continua Biggeri "le banche hanno responsabilità importanti, dalla capacità di attuare una trasparenza non solo formale verso i propri clienti e soci a quella di sostenere l'economia reale e sostenibile attraverso le politiche del credito. In Banca Etica prendiamo molto sul serio queste responsabilità: effettuiamo una valutazione sociale ed ambientale dei crediti che eroghiamo; pubblichiamo online i finanziamenti concessi alle persone giuridiche; la retribuzione massima dei nostri manager è 3,6 volte superiore alla retribuzione media dei lavoratori, un rapporto che in Italia arriva fino a 50. Facciamo banca in modo diverso, ma sicuro, con un tasso di sofferenza 3 volte inferiore alla media del sistema bancario."


BANCA POPOLARE ETICA è la prima e tutt'ora unica banca italiana interamente dedita alla finanza etica, opera su tutto il territorio nazionale attraverso una rete di filiali, banchieri ambulanti e grazie ai servizi di home e mobile banking. Nata nel 1999, Banca Etica ha raggiunto risultati incoraggianti: in questi anni ha raccolto il risparmio di organizzazioni e cittadini responsabili e lo ha utilizzato interamente per finanziare progetti di particolare interesse collettivo. Dalla nascita a oggi  Banca Etica è cresciuta costantemente e ha erogato crediti per un totale oltre 2 miliardi a sostegno di quasi 25mila iniziative di organizzazioni, famiglie e imprese nei settori della cooperazione sociale, cooperazione internazionale, cultura e qualità della vita, tutela dell'ambiente, diritto alla casa. Nel  2014 Banca Etica ha aperto la sua prima filiale all'estero, a Bilbao in Spagna.  www.bancaetica.it


Nessun commento:

Posta un commento

Disclaimer

www.CorrieredelWeb.it e' un periodico telematico senza scopi di lucro, i cui contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali industrie dell'editoria o dell'intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Societa' dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete. In questo la testata ambisce ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.


Pur essendo normalmente aggiornato piu' volte quotidianamente, CorrieredelWeb.it non ha una periodicita' predefinita e non puo' quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001.


L'Autore non ha alcuna responsabilita' per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone. L'Autore si riserva, tuttavia, la facolta' di rimuovere quanto ritenuto offensivo, lesivo o contraro al buon costume.


Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive. Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio. Eventuali detentori dei diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvedera' all'immediata rimozione o citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.


Viceversa, sostenendo una politica volta alla libera circolazione di ogni informazione e divulgazione della conoscenza, ogni articolo pubblicato sul CorrieredelWeb.it, pur tutelato dal diritto d'autore, può essere ripubblicato citando la legittima fonte e questa testata secondo quanto previsto dalla licenza Creative Common.





Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons Creative Commons License






CorrieredelWeb.it è un'iniziativa di Andrea Pietrarota, Sociologo della Comunicazione, Public Reporter, e Giornalista Pubblicista




indirizzo skype: apietrarota



CONTATTI