Cerca nel blog

giovedì 27 luglio 2017

Welfare e sprechi: una falla del sistema a cui porre rimedio

Come combattere gli sprechi del Welfare Aziendale

welfare e sprechi
Con gli interventi previsti dalla Legge di Stabilità 2017 è stato fatto un interessante passo in avanti nella dura lotta all'affermazione di un nuovo concetto di Welfare aziendale.
Abbiamo già visto in che modo un lavoratore sereno è anche un lavoratore produttivo, tuttavia, sebbene molto sia stato fatto e altro risulta essere in cantiere, il sistema di Welfare italiano sembrerebbe avere una falla non indifferente.

Ma procediamo con ordine.

Sappiamo bene che il nostro sistema di Welfare è caratterizzato dal trasferimento di ingenti somme di denaro che, nei piani, dovrebbero andare a finanziare l'erogazione di servizi finalizzati al soddisfacimento dei bisogni delle famiglie.

Secondo alcune stime, circa 60 miliardi, più o meno il 50% del fondo sanitario nazionale, sarebbe finanziato direttamente o indirettamente dallo Stato.

Indifferentemente dalle perimetrazioni utilizzate per tale calcolo, e conseguentemente dall'istituto che se ne è occupato, solo 7-8 miliardi si trasformano in veri servizi erogati alle famiglie dai Comuni, tutto il resto rimane liquidità non spesa.

Chiaramente, non possiamo sapere con certezza quanto di questa somma sia destinato a lavori di cura autoprodotti dai caregiver (acquisto servizi, assistenza, infermieri ecc..), sappiamo tuttavia che tali rapporti lavorativi sono caratterizzati da dinamiche irregolari e da forte evasione fiscale.

Una soluzione a questa degenerazione del concetto d Welfare potrebbe essere quella di accrescere maggiormente il ruolo degli organi di intermediazione, con conseguente controllo su una parte più considerevole della somma e sulla qualità complessiva dei servizi erogati. 

Tale intervento ridurrebbe sensibilmente gli sprechi di denaro (incidendo non poco sulla spesa pubblica) e permetterebbe di avere un quadro più chiaro delle domande/offerte, così da offrire a ogni persona la giusta soluzione ai propri problemi.

Nessun commento:

Posta un commento

Disclaimer

www.CorrieredelWeb.it e' un periodico telematico senza scopi di lucro, i cui contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali industrie dell'editoria o dell'intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Societa' dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete. In questo la testata ambisce ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.


Pur essendo normalmente aggiornato piu' volte quotidianamente, CorrieredelWeb.it non ha una periodicita' predefinita e non puo' quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001.


L'Autore non ha alcuna responsabilita' per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone. L'Autore si riserva, tuttavia, la facolta' di rimuovere quanto ritenuto offensivo, lesivo o contraro al buon costume.


Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive. Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio. Eventuali detentori dei diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvedera' all'immediata rimozione o citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.


Viceversa, sostenendo una politica volta alla libera circolazione di ogni informazione e divulgazione della conoscenza, ogni articolo pubblicato sul CorrieredelWeb.it, pur tutelato dal diritto d'autore, può essere ripubblicato citando la legittima fonte e questa testata secondo quanto previsto dalla licenza Creative Common.





Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons Creative Commons License






CorrieredelWeb.it è un'iniziativa di Andrea Pietrarota, Sociologo della Comunicazione, Public Reporter, e Giornalista Pubblicista




indirizzo skype: apietrarota



CONTATTI