Cerca nel blog

giovedì 29 ottobre 2015

Sorveglianza di massa: per il Parlamento UE il diritto dei cittadini europei è ancora in pericolo

In una risoluzione posta in votazione giovedì, i deputati hanno sottolineato come non sia stato ancora fatto abbastanza per la salvaguardia dei diritti fondamentali dei cittadini in seguito alle rivelazioni sulla sorveglianza elettronica di massa. I deputati chiedono alla Commissione di assicurare che tutti i trasferimenti dei dati verso gli USA siano soggetti ad un livello di protezione efficace e chiede agli Sati membri di concedere protezione ad Edward Snowden, in qualità di "difensore dei diritti umani". Inoltre, il Parlamento ha espresso preoccupazione circa le norme sulla sorveglianza in diversi Stati UE.


Il relatore Claude Moraes (S&D, UK), presidente della commissione per le libertà civili ha dichiarato che l'inchiesta del Parlamento europeo sulle rivelazioni di Edward Snowden riguardo la sorveglianza di massa elettronica è stata, ad oggi, la più completa investigazione effettuata. E' necessario continuare questo lavoro per assicurare che le libertà civili siano difese anche su internet.

Questa risoluzione, approvata con 342 voti favorevoli, 274 voti contrari e 29 astensioni, fa il punto sulle azioni (o mancanza d'azione) che la Commissione, le altre istituzioni UE e gli Stati membri hanno intrapreso sulla base delle raccomandazioni del Parlamento contenute nella risoluzione del 12 marzo 2014 sulla sorveglianza elettronica di massa dei cittadini UE, redatta sulla scia delle rivelazioni di Edward Snowden.

Con 285 voti favorevoli a fronte di 281 contrari, i deputati hanno approvato un emendamento che invita gli Stati membri a "ritirare ogni imputazione penale nei confronti di Edward Snowden, a offrirgli protezione e, di conseguenza, a evitare la sua estradizione o consegna da parte di terzi, riconoscendo il suo statuto di informatore e di difensore internazionale dei diritti umani."

Trasferimento dei dati verso gli USA

I deputati accolgono con favore la sentenza della Corte di giustizia europea (CGUE) del 6 ottobre riguardo il caso Schrems, che ha invalidato la decisione della Commissione sullo schema Safe Harbour sul trasferimento dei dati negli Stati Uniti. Per i deputati "questa sentenza ha confermato la posizione di lunga data del Parlamento riguardo l'assenza di un adeguato livello di protezione previsto da questo sistema".

Il Parlamento fa appello alla Commissione affinché "prenda le misure necessarie per assicurare che tutti i dati personali trasferiti verso gli USA siano soggetti a un livello efficace di protezione, sostanzialmente equivalente a quello garantito nell'UE".

Il Parlamento invita la Commissione a riflettere immediatamente sulle alternative al Safe Harbour e sull'impatto che la sentenza può avere su ogni altro strumento utilizzato per il trasferimento dei dati personali negli USA. Inoltre, il Parlamento chiede che la Commissione riferisca su questo entro la fine del 2015. Inoltre, la risoluzione rinnova l'invito a sospendere l'accordo con gli Stati Uniti sul programma di tracciatura finanziaria dei terroristi (TFTP).

In generale, i deputati ritengono, in considerazione dell'entità delle rivelazioni sulla sorveglianza di massa, "altamente inadeguata" la risposta data fino ad ora dalla Commissione sulla risoluzione del Parlamento del 2014. Secondo i deputati "i diritti fondamentali dei cittadini UE sono ancora in pericolo" e "troppo poco è stato fatto per assicurare la loro piena protezione".

Preoccupazioni circa le norme sulla sorveglianza in diversi Paesi UE

Il Parlamento è preoccupato per le "recenti leggi adottate da alcuni Paesi membri che ampliano le possibilità di sorveglianza da parte delle autorità d'intelligence, inclusi Francia, Regno Unito e Olanda. Inoltre, è preoccupato per le rivelazioni sulle attività di sorveglianza delle telecomunicazione e del traffico internet all'interno dell'UE da parte della BND, l'agenzia di intelligence "esterna" tedesca, in collaborazione con la NSA, l'agenzia per la sicurezza nazionale statunitense.

Inoltre, la risoluzione invita a formulare una strategia UE per una maggiore indipendenza informatica e una maggiore privacy sul web ed evidenzia l'esigenza di assicurare un controllo democratico ed efficace delle attività d'intelligence, così come la necessità di ricostruire la fiducia con gli USA.

Procedura: risoluzione non legislativa

Nessun commento:

Posta un commento

Disclaimer

www.CorrieredelWeb.it e' un periodico telematico senza scopi di lucro, i cui contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali industrie dell'editoria o dell'intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Societa' dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete. In questo la testata ambisce ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.


Pur essendo normalmente aggiornato piu' volte quotidianamente, CorrieredelWeb.it non ha una periodicita' predefinita e non puo' quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001.


L'Autore non ha alcuna responsabilita' per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone. L'Autore si riserva, tuttavia, la facolta' di rimuovere quanto ritenuto offensivo, lesivo o contraro al buon costume.


Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive. Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio. Eventuali detentori dei diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvedera' all'immediata rimozione o citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.


Viceversa, sostenendo una politica volta alla libera circolazione di ogni informazione e divulgazione della conoscenza, ogni articolo pubblicato sul CorrieredelWeb.it, pur tutelato dal diritto d'autore, può essere ripubblicato citando la legittima fonte e questa testata secondo quanto previsto dalla licenza Creative Common.





Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons Creative Commons License






CorrieredelWeb.it è un'iniziativa di Andrea Pietrarota, Sociologo della Comunicazione, Public Reporter, e Giornalista Pubblicista




indirizzo skype: apietrarota



CONTATTI